La nostra storia

IMG_7555

Libera-Mente si occupa di assistenza alla persona, di turismo sociale e agricoltura biologica.

Dal 1999, professionalità, competenze, affidabilità, unite a una predisposizione all’accoglienza, senza discriminazione, hanno arricchito negli anni il bagaglio della cooperativa.

Uno stile di vita e di lavoro cooperativistico, la partecipazione attiva dei soci e dei collaboratori in progetti e processi, sono due tratti fondamentali che caratterizzano la nostra realtà.
Con questa filosofia, sviluppiamo iniziative imprenditoriali, dirette a sconfiggere la precarietà, garantire un “cumulo reddituale” per favorire l’inserimento lavorativo, l’integrazione e lo sviluppo della comunità.

Dal 2007, gestiamo beni confiscati alla mafia e perseguiamo un impegno rivolto a far crescere un’economia sostenibile e virtuosa, dalla quale far nascere “fiori di legalità”, capaci di dare linfa vitale a un cambiamento radicale e fecondo.

La dignità della persona, il rispetto per l’ambiente e per le bellezze della nostra Isola “ispirano” ogni passo che intraprendiamo, così come lo fa la figura di Peppino Impastato, giornalista e attivista, morto per mano della mafia a Cinisi, dove ora sorge l’Ecovillaggio Solidale “Fiori di Campo”, a lui dedicato, bene confiscato che gestiamo dal 2012.

Da anni, siamo attivi all’interno di reti antimafia, promosse da associazioni autorevoli, come “Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie” e “Addiopizzo”, con le quali collaboriamo per costruire sinergie politico-culturali e iniziative volte a diffondere la cultura della legalità.